Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Negli scenari globali l’economia cresce con incertezze che ne possono condizionare gli sviluppi futuri.

In questa linea molti analisti concentrano i loro studi su fattori quali l’andamento del prezzo delle materie prime, le variazioni nei rapporti di forza a livello geopolitico, le crisi legate alle migrazioni dei rifugiati. Accanto a questi elementi vi sono altri dati di indeterminatezza legati a mutazioni macroeconomiche. Un esempio tra i più rilevanti è rappresentato dalla Cina. Essa sta completando un coraggioso ed ambizioso passaggio da un’economia basata sull’industria a quella sui servizi, da uno sviluppo trainato dalle esportazioni ad uno maggiormente basato sui consumi interni.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L’artista teatrale, attraverso la propria interiorità e spiritualità, è in grado di rappresentare la disperazione e la visione, il pianto e la gioia, rendendo questi sentimenti universali. Il suo sguardo, attento e acuto, può narrare una data vicenda in cui ognuno può identificarsi.

In questa descrizione anche il dolore può diventare bellezza suscitando sentimenti, emozioni. E’ per questo che i messaggi degli artisti, poeti, intellettuali possono giungere in maniera immediata e completa anche a persone lontane per aprire una nuova luce. In questo senso si può affermare che tramite una messa in scena teatrale si mostra una strada da percorrere.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Tra le organizzazioni italiane particolarmente attive nella promozione della cultura e del tessuto imprenditoriale italiano si registra Italia Startup che è un’Associazione no profit che rappresenta l’ecosistema delle startup del nostro Paese e di cui fanno parte primari enti pubblici e privati.

Tra le iniziative che questa organizzazione sta realizzando si sottolinea il convegno “Strategie, policy e progetti delle regioni italiane a supporto delle startup innovative”. Esso si è svolto in collaborazione con la Commissione attività produttive della Conferenza delle regioni e province autonome, in partnership con l’azienda Warrant Group ed il patrocinio di Unindustria, e si è tenuto nei locali della Casa del Cinema a Roma.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

I musei di San Domenico di Forlì ospitano, dall’11 febbraio al 18 giugno 2017, una bella mostra sull’Art Decò, con un’attenzione particolare alle arti italiane di quel periodo.

Forlì. Anni ruggenti.  Così vengono definiti. Come fosse appunto il ruggito di un leone o di una tigre. Un modo per aggredire la vita, prenderla di petto. Dieci anni per la precisione: dal 1919 al 1929. Ovvero subito dopo la prima guerra mondiale fino al crollo di Wall Street. Unghie e ruggiti che hanno poi manifestato tutta la loro natura illusoria.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Da una parte il nuovo ‘Brescia Photo Festival 2017’, - dall’altro il volume di Mccaurry On reading, best seller mondiale. Da questi due ingredienti nasce la mostra proposta al Museo brecino di Santa Giulia: Steve Mccurry. Leggere.

Brescia. Qui su Matchnews di Steve McCurry ne abbiamo già parlato (Oltre lo sguardo di Steve McCurry: fotografie che raccontano il mondo e una vita. Fino al 6 aprile 2015 alla Villa Reale di Monza - “A occhi aperti. Quando la storia si è fermata in una foto”), ma non può non venire in mente questa volta anche un’altra mostra (e un altro articolo) che invece che con il grande fotografo ha a che fare con la lettura, la mostra Leggere, leggere, leggere! Libri, giornali, lettere nella pittura dell'Ottocento alla Pinacoteca cantonale Giovanni Züst di cui abbiamo scritto lo scorso anno (La rivoluzione della lettura nella mostra “Leggere, leggere, leggere! Libri, giornali, lettere nella pittura dell’ottocento”).

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La determinazione ed il coraggio delle donne possono trovare un degno palcoscenico oltre quello consueto dell’8 marzo che dura un soffio. Una di queste occasioni, lontane dai soliti luoghi comuni, si può ritrovare nella proiezione del film: “3000 Nights” della nota documentarista palestinese Mai Masri.

Al film sono stati conferiti riconoscimenti di primaria rilevanza come quelli di rappresentare la Palestina ai Golden Globes e la Giordania agli Oscar. La proiezione della pellicola è ad ingresso libero, si terrà a Roma il 6 aprile con una tavola rotonda culturale di cui verrà fornito successivamente il programma. L’iniziativa è promossa dalla Fondazione Roma Tre Teatro Palladium in accordo con l’Ambasciata di Palestina in Italia. La trama del film narra una storia realmente accaduta che ha per protagonista una docente palestinese reclusa in un carcere israeliano in modo iniquo e descrive come ella sia riuscita a mantenere, nonostante tutte le difficoltà, sia il figlio con sé dietro le sbarre, sia la sua libertà interiore.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il momento creativo di un’opera scritta può essere indicato con ispirazione, termine utilizzato anche in riferimento ai testi in cui una forma di intervento divino induce un soggetto a produrre un elaborato.

In maniera analoga si potrebbe descrivere sinteticamente il percorso di un autore quando mette su carta la propria brillante intuizione. In questo percorso creativo egli compie un tragitto personale in cui elabora elementi immateriali come la fantasia, la sensibilità, la capacità percettiva della realtà o dell’interiorità per suscitare sensazioni e coinvolgimento emotivo con il lettore. Questo impulso intellettuale è sia alla base della capacità ed abilità di un autore, sia la finalità principale  che intende promuovere e sostenere il Premio letterario “Città di Castello”.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Varcare il portone d’ingresso della Biblioteca Vallicelliana a Roma può dare la sensazione di entrare in un’atmosfera di tempi passati quando si sale con un incedere cadenzato dai gradini degli scaloni che hanno sulle pareti, in cima ad ogni rampa, un affresco o un bassorilievo.

Quando poi si entra nel salone Borrominiano e si attende l’inizio degli eventi in programma, si può essere accolti da una musica del seicento – settecento di sottofondo mentre lo sguardo si perde sui libri che hanno l’ odore di un sapere antico e gelosamente trasmesso. Questa cultura ricercata è possibile ritrovarla nelle manifestazioni programmate, come  quelle del mese di marzo, tutte ad ingresso libero e che si terranno nella Biblioteca Vallicelliana, Salone Borrominiano, Piazza della Chiesa Nuova, 18.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

La città sarda e il suo museo celebrano stavolta l’attività di una delle più singolari e intraprendenti fotografe del Novecento.

Nuoro. L’America e l’Europa. New York, Parigi, Berlino. Il sodalizio con Man Ray. La passione per il lavoro di Eugène Atget. L’amore al femminile. E poi ancora New York. Non bastano certo queste poche righe a raccontare la vita della coraggiosa Berenice Abbott. Ma queste stesse poche righe possono però darne un’idea tracciandone le linee più marcate.