Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Uno dei romanzi  più letti della scorsa estate è stato “Come un respiro”, il terzo romanzo di Ferzan Ozpetek. Il libro si legge tutto d'un fiato; coinvolgente, misterioso e ricco di colpi di scena, che cattura il lettore sin dalle prime pagine, in un alternarsi fra presente e futuro, sullo sfondo di una fatata e inebriante Istanbul.

“Come un respiro”, è un thriller dei sentimenti, introspettivo, sulla vita, sull'amore e sull'importanza che hanno le nostre scelte nel determinare il nostro futuro. Leggendolo è facile immaginare già il film, ambientato  in una domenica mattina di fine giugno, Sergio e Giovanna, come d'abitudine, hanno invitato a pranzo nel loro appartamento a Testaccio due coppie di cari amici. Mentre stanno ultimando gli ultimi preparativi in attesa degli ospiti, una sconosciuta si presenta alla loro porta.

Molti anni prima, Elisa Corti ha vissuto in quella casa e vorrebbe rivederla un'ultima volta, così si giustifica. Il suo sguardo sembra smarrito, come se cercasse qualcuno, o qualcosa. Viene da lontano e nella borsa conserva delle vecchie lettere che nessuno ha mai letto e che, fra aneddoti di una vita avventurosa e confidenze piene di nostalgia, custodiscono un terribile segreto. Riaffiora così un passato inconfessabile, capace di incrinare anche l'esistenza apparentemente tranquilla e quasi monotona di Sergio e Giovanna e dei loro amici, segnandoli per sempre. Il lettore viene trasportato  alla fine degli anni Sessanta, da Roma a Istanbul, in un susseguirsi di colpi di scena, avanti e indietro nel tempo.

Quest’ospite inatteso chi è e perché tanti anni prima ha lasciato l'Italia quasi fuggendo, allontanandosi per sempre dalla sorella Adele, cui era così legata? Con il susseguirsi delle pagine, le  passioni sopite riprendono a divampare, il presente si mescola al passato per narrare di scelte dalle quali non si torna più indietro,  ma anche per celebrare  una Istanbul magica, sensuale e tollerante, con i suoi antichi hamam, e che si specchia sul Bosforo, tanto amato dallo stesso Ozpetek. Questo incontro inatteso indurrà anche Sergio, Giovanna  e i loro amici a guardarsi dentro, a fare i conti con se stessi e  con la verità sui loro sentimenti nascosti dietro la facciata di una vita perfetta.