Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L’arte esprime l’identità e la memoria storica di una comunità e, contemporaneamente, i suoi valori. Senza dimenticare che essa costituisce il filo che unisce le generazioni nel corso del tempo, tramandando ed accrescendo il patrimonio del pensiero attraverso la creatività.

Si tratta quindi di una ricchezza da preservare e valorizzare. Un altro aspetto importante è il fatto che l’artista stimola, in colui che osserva un’opera, una conoscenza attiva attraverso l’interesse. Quanto detto comporta che  un artista produce una sua creazione soprattutto per suscitare un differente sguardo, una differente prospettiva. In questa linea può esservi il desiderio di trasmettere un messaggio determinato o quello di ricercare un contatto tra sé ed il visitatore attraverso il compimento artistico.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Le vacanze e le ferie finiscono, le città si ripopolano, le scuole e le lezioni universitarie ricominciano. Settembre ci fa tornare alla realtà di tutti i giorni e spezza definitivamente l’incantesimo estivo.

Proprio per questo  abbiamo deciso di presentarvi un buon amico che potrebbe aiutarvi ad affrontare il ritorno alla quotidianità, portandovi allo stesso tempo in luoghi lontani. Quello che vi proponiamo è un consiglio di lettura, ovvero: Dio di Illusioni di Donna Tartt, uno dei maggiori casi letterari degli anni '90.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

In occasione della 41esima edizione di “Benevento Città Spettacolo” (24-30 agosto 2020) partirà una singolare iniziativa da parte di due amanti dell’arte: Maurizio Caso Panza (nella foto), presidente dell’Associazione Culturale Xarte di Benevento, e Nico Girolamo, promotore del gruppo dei commercianti “Cuore della Città”.

L’iniziativa consisterà nell’esposizione di opere d’arte nei negozi del capoluogo sannita.

A questa mostra hanno aderito una quarantina di artisti tra pittori, scultori e fotografi, ed oltre settanta negozi. La finalità di questa mostra è quella di valorizzare l’arte in senso lato, e di rilanciare il commercio vittima della crisi economica, aggravata ancor più dalla pandemia.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Negli ultimi due anni mi sono applicato allo studio dell’energia, la cosiddetta “energia Cosmica”. Tale interesse è sorto da una precisa circostanza, ovvero quando ho iniziato a percepire dal mio corpo insoliti segnali. Per non dilungarmi, in questa esposizione, con troppi dettagli sulla dinamica del fatto, salto direttamente al punto su cui verte l’argomento introdotto e che mi accingo a illustrare: Nel 2018, in un giorno di primavera, a seguito di sistematiche osservazioni compiute in un considerevole intervallo, mi convinsi che effettivamente dalla mia mano destra stesse fluendo qualcosa.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

In mostra, a Roma, fino al 12 luglio 2020 al WeGil, nello spazio hub culturale della Regione Lazio un'antologia fotografica di settanta immagini dell'artista che hanno segnato la storia e il costume del '900.  Presente anche una galleria di celebri ritratti di Che Guevara, Marlene Dietrich e una speciale serie di scatti dedicati a Marilyn Monroe. A partire dagli anni '70 l'artista  comincia a girare film, pur continuando il suo lavoro di fotografo. Per Erwitt: "La fotografia è tutta qui: far vedere a un'altra persona quel che non può vedere perché è lontana, o distratta, mentre tu invece sei stato fortunato e hai visto. Le fotografie non si preparano, si aspettano. Si ricevono".

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Sempre più spesso, senza accorgercene, ci ritroviamo al cinema, o a casa, a guardare film che sono figli di romanzi e opere letterarie.

Negli ultimi anni, i film ispirati a romanzi  sono di gran lunga aumentati, rendendo le pagine da cui sono nati, dei veri e propri casi letterari. Uno degli esempi che ci viene istintivamente fare, riguarda un successo cinematografico di pochi anni fa: Chiamami con il tuo nome,  di Luca Guadagnino, uscito nel 2018. Il film vuole essere un adattamento del romanzo omonino, dello scrittore statunitense André Aciman, pubblicato per la prima volta nel 2007.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Dal 26 settembre 2019 al 23 febbraio 2020, il chiostro del Bramante di Roma, ha ospitato la mostra di Francis Bacon, Lucien Freud, e la Scuola di Londra (Michael Andrews, Frank Auerbach, Leon Kossoff e Paula Rego).

La mostra si è rivelata essere una grande occasione per entrare a contatto con una scena dell’arte contemporanea ancora non molto conosciuta. Grazie a uno straordinario prestito di Tate, la pittura di questi artisti, con opere dal 1945 al 2004, rivela, in maniera diretta e sconvolgente, la natura umana fatta di fragilità, energia, opposti, eccessi, evasioni, nessun filtro, verità.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Si rimprovera spesso all’arte contemporanea di prediligere la provocazione, il cambiamento, la ricerca di strade innovative alla bellezza. Questa osservazione, in molti casi, è inopportuna nel senso che l’arte é uno dei più potenti strumenti di comunicazione.

Detto diversamente, attraverso di essa l’artista esplora se stesso e cerca di fornire una propria, personale, interpretazione della realtà che lo circonda. Senza dimenticare la famosa frase: “La bellezza è nell’occhio di chi guarda” con cui si indicano una serie di concetti fra cui la strettissima relazione tra un’opera e colui che la osserva, quello che l’artista ha voluto comunicare all’osservatore, quali emozioni ha cercato di trasmettere. In questa dinamica opera-fruitore, il valore estetico di un’opera d’arte è il risultato di un insieme di energie e di elementi che riguardano sia la forma che il contenuto.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

50.000 biglietti venduti a meno di un mese dall’apertura della grande mostra alle Scuderie del Quirinale. Dal 5 marzo al 2 giugno 2020.

A meno di un mese dall’apertura, è già record di prevendite per “Raffaello”. Sono oltre 50.000 i biglietti venduti per il grande evento espositivo che partirà il prossimo 5 marzo alle Scuderie del Quirinale di Roma.

Con richieste provenienti da tutto il mondo – dall’Asia all’America, passando per l’Europa – la mostra si conferma una preziosa occasione di visibilità internazionale per il Paese, richiamando in Italia un gran numero di turisti e di appassionati. “Raffaello” offrirà ai visitatori la possibilità di ammirare oltre 200 opere provenienti da grandi Istituzioni italiane e straniere, 50 delle quali frutto della proficua collaborazione con gli Uffizi di Firenze.

La mostra si configura come la più grande rassegna dedicata ad un artista mai realizzata in Italia.