Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Dal 26 settembre 2019 al 23 febbraio 2020, il chiostro del Bramante di Roma, ha ospitato la mostra di Francis Bacon, Lucien Freud, e la Scuola di Londra (Michael Andrews, Frank Auerbach, Leon Kossoff e Paula Rego).

La mostra si è rivelata essere una grande occasione per entrare a contatto con una scena dell’arte contemporanea ancora non molto conosciuta. Grazie a uno straordinario prestito di Tate, la pittura di questi artisti, con opere dal 1945 al 2004, rivela, in maniera diretta e sconvolgente, la natura umana fatta di fragilità, energia, opposti, eccessi, evasioni, nessun filtro, verità.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Si rimprovera spesso all’arte contemporanea di prediligere la provocazione, il cambiamento, la ricerca di strade innovative alla bellezza. Questa osservazione, in molti casi, è inopportuna nel senso che l’arte é uno dei più potenti strumenti di comunicazione.

Detto diversamente, attraverso di essa l’artista esplora se stesso e cerca di fornire una propria, personale, interpretazione della realtà che lo circonda. Senza dimenticare la famosa frase: “La bellezza è nell’occhio di chi guarda” con cui si indicano una serie di concetti fra cui la strettissima relazione tra un’opera e colui che la osserva, quello che l’artista ha voluto comunicare all’osservatore, quali emozioni ha cercato di trasmettere. In questa dinamica opera-fruitore, il valore estetico di un’opera d’arte è il risultato di un insieme di energie e di elementi che riguardano sia la forma che il contenuto.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

50.000 biglietti venduti a meno di un mese dall’apertura della grande mostra alle Scuderie del Quirinale. Dal 5 marzo al 2 giugno 2020.

A meno di un mese dall’apertura, è già record di prevendite per “Raffaello”. Sono oltre 50.000 i biglietti venduti per il grande evento espositivo che partirà il prossimo 5 marzo alle Scuderie del Quirinale di Roma.

Con richieste provenienti da tutto il mondo – dall’Asia all’America, passando per l’Europa – la mostra si conferma una preziosa occasione di visibilità internazionale per il Paese, richiamando in Italia un gran numero di turisti e di appassionati. “Raffaello” offrirà ai visitatori la possibilità di ammirare oltre 200 opere provenienti da grandi Istituzioni italiane e straniere, 50 delle quali frutto della proficua collaborazione con gli Uffizi di Firenze.

La mostra si configura come la più grande rassegna dedicata ad un artista mai realizzata in Italia.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Nel corso della trasmissione “TONI & Motivi” in onda lunedì 20 gennaio 2020 sull’emittente radiofonica pratese “White Radio”, abbiamo intervistato a Roma il Maestro Tommaso Le Pera, il fotografo del teatro italiano.

Fotografo da sempre (padre e zio fotografi), dopo una prima esperienza in campo cinematografico e televisivo, attratto dal mondo teatrale, abbandona gli altri settori per dedicarsi unicamente alla sua passione: il teatro di prosa. Nato in un paesino dell’entroterra calabrese, a vent’anni lavora già come fotografo con il padre nella bottega di famiglia. Poi si trasferisce a Roma a metà degli anni sessanta, diventando in breve tempo un fotografo di fama internazionale. Ecco l’intervista che il Maestro ci ha rilasciato.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L’Associazione Culturale Artistica Leonardo ha sede legale in Via Cosimo Martini n. 6 a Foglianise (BN), e sede operativa in Via Pietro De Caro n. 9 a Benevento.

Quest’ultima, presente all’inizio nella stessa Foglianise, si è trasferita poi nel capoluogo sannita allo scopo di incontrare un bacino di utenza più vario. Il presidente è il Maestro Antonio Tommaselli, pittore e scultore (nella foto), che attualmente in questa carica sostituisce il sindaco di Foglianise Giuseppe Tommaselli. La dott.ssa Brigida Ocone si occupa dei rapporti con il pubblico, e nel consiglio direttivo sono presenti anche Mariella Caporaso, Annamaria Tommaselli e Maria Carmela Costanzo.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Dopo il successo di “Un giro di bardo” (Iuppiter Edizioni, 2013), è in vendita il nuovo libro di Max De Francesco “Tropico della spigola – Ultima edizione dal Sud” (Iuppiter Edizioni, 2019 – nella foto).

L’autore è nato a Napoli, dove vive e lavora. Giornalista, editore, bardo. Raccomandato dalle idee, è presidente del gruppo editoriale “Iuppiter”, fondato nel 2002, in cui passa gran parte della sua giornata esercitando il mestiere di scrivere, comunicare e sviluppare visioni. E’ fiero di poche cose tra cui le radici irpine e cilentane, l’ultima incazzatura, un gol segnato da centrocampo, l’autonomia di pensiero e uno scrigno di titoli dati a libri e prime pagine. Continua a credere nei giornali cartacei: attualmente ne dirige uno, “Chiaia Magazine”, fondato nel 2006. Tra le sue nuove sfide quella del cinema sia in veste di produttore che di autore. Ha pubblicato anche: “Stupidi Passanti” (ESI, 1997) e “Tornasole” (Edizioni del Delfino, 2000).

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Per la prima volta a Napoli una grande mostra dedicata all’artista spagnolo. Il mondo fantastico, onirico, febbrilmente creativo di Joan Mirò (Barcellona, 1893 – Palma di Maiorca, 1983), viene presentato al pubblico dal 25 settembre 2019 al 23 febbraio 2020, al PAN Palazzo delle Arti Napoli, con l’esposizione dal titolo “Joan Mirò. Il linguaggio dei segni”.

La mostra, promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, con il supporto del Ministero della Cultura Portoghese e il patrocinio dell’Ambasciata del Portogallo in Italia, è organizzata dalla Fondazione Serralves di Porto con C.O.R. Creare Organizzare Realizzare di Alessandro Nicosia.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

La regina delle rose è un racconto liberamente ispirato alla vita di Giovanna di Savoia la «regina delle rose» e di Boris, zar di Bulgaria.

Nello scenario tempestoso dell’Europa tra il 1927 e il 1943, cresce una grande storia d’amore che ha come protagonisti due giovani costretti a subire il peso del destino: Giovanna, figlia del re Vittorio Emanuele III re d’Italia e di Elena di Montenegro, principessa sensibile umile, discreta, ma forte della sua fede e Boris, zar di Bulgaria. A diciotto anni dalla sua scomparsa, avvenuta a Estoril in riva all’Atlantico e non lontano da Cascais, il libro della Russinova racconta la vita della Regina Giovanna che «non cessa di stupire e di incantare per i suoi contorni avventurosi e leggendari, romantici e tragici» dichiara Emanuele Filiberto di Savoia nella prefazione al libro.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

La pittrice Elbegzaya Khaltar (nella foto) espone ancora nel Sannio. Dopo il successo di critica e di pubblico ottenuto a Fragneto Monforte (BN) nella Mostra di Arte Contemporanea “Incontro in arte”, lo scorso ottobre, l’artista di origine mongola ma residente dal 2008 a Brighton, in Inghilterra, è stata una delle protagoniste alla Rocca dei Rettori di Benevento.

Con la sua opera “Natura nella plastica”, un acrilico su tela di cm. 100X120, è stata presente alla settima edizione del “Premio Internazionale Iside”, dal 9 al 17 novembre 2019, nella splendida location del capoluogo sannita. Il tema era “L’arte contro la plastica”.