Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Venerdì 22 giugno 2018 ore 18.00, Simone Alessandrini in concerto per presentare l’album “Storytellers”, nell’ambito della rassegna musicale Officine Jazz – LIVEinOFFICINE, organizzata da OZ – Officine Zero. Sul palco, insieme al sassofonista romano, Antonello Sorrentino, tromba, Riccardo Gola, basso elettrico ed effetti, Riccardo Gambatesa, batteria e Federico Pascucci, sax tenore.

Album d’esordio del giovane sassofonista e compositore Simone Alessandrini, “Storytellers” si compone di sette brani originali e fortemente evocativi che creano un’architettura complessa; un album decisamente ispirato, in cui le singole tracce sono tessere di un più ampio mosaico narrativo.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Dieci maggio: il "Tour D'addio" degli Elio e Le Storie Tese passa per l'Unipol Arena di Bologna, resa per l'occasione funebre cornice. Il concerto è solo una tappa del tour che segue il "Concerto D'addio" dello scorso diciannove dicembre e che impegna il gruppo “defunto” fino a fine giugno in un giro di estremi saluti ai fan.

Quando arriviamo all’interno dell’Arena ci rendiamo subito conto che non si riempirà: le persone continuano ad entrare, ma gli ingressi sono di sicuro al di sotto delle aspettative. Al grido di: «peggio per loro, così per noi si vede pure meglio!» attendiamo trepidanti la comparsa del “complessino degli Elio e Le Storie Tese”, come a loro piace definirsi.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Dopo 5 anni di attesa, oggi , 11 maggio 2018, gli Arctic Monkeys sono tornati con il loro nuovo album Tranquility Base Hotel & Casino, registrato tra Londra, Parigi e Los Angeles.

Come con ogni nuovo album, gli Arctic Monkeys hanno dato inizio ad un nuovo capitolo della loro storia, cambiando pelle, ma non dimenticando le loro origini. Alex Turner ha deciso di abbandonare gli esagerati riff di chitarra, di dedicarsi al pianoforte e al Jazz, dando vita ad un'opera oscura ed elegante, ma anche molto sofisticata.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Arriva al Locomotiv uno tra i talenti italiani più apprezzati ed invidiatici dal resto del mondo: Cristiano Crisci, in arte Clap! Clap! (e prima ancora Digi G’Alessio). Classe ’81, fiorentino, ha alle spalle una lunga ricerca musicale che lo consegna alla musica Rap negli anni ’90, per poi mettergli un sassofono in mano e iniziare a muoverlo tra i mondi jazz e punk con il Trio Cane.

Già da questi pochi indizi si intuisce l’inevitabile difficoltà che si riscontra nel catalogare la produzione di Clap! Clap! in un genere o filone musicale definito: world music, black music, con richiami anche all’hip hop o al footwork di Chicago, il tutto condito costantemente dall’autenticità dei campionamenti e da uno stile molto personale ma inconfondibile.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Pink Floyd, passione senza tempo. Un mito percorso da intere generazioni.

Gli Animals Pink Floyd sono una tribute band speciale che ripercorre la stessa filosofia della band britannica e si accosta quasi perfettamente al loro modo di stupire il pubblico con perfomance memorabili. A premiarli l’affetto del pubblico che li segue ovunque e dopo il grande successo dello scorso anno con Obscured by Clouds, gli Animals Pink Floyd, in collaborazione con Momento Danza, mettono in scena uno spettacolo unico il 22 aprile ore 21 al teatro Olimpico:Shine on! The Pink Floyd Opera, che racconta l’evoluzione dei Pink Floyd dal 1967 ad oggi.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

I due artisti, che condividono un forte senso d’appartenenza alla Sardegna (per entrambi terra d’origine) e al tempo stesso una propensione naturale alla sperimentazione, in cinque giorni si sono esibiti a Bologna, Roma (Sold Out), Salerno, Lucca ed infine Cagliari.

Interpreti della tradizione musicale italiana (sarda in particolare), nel tempo sono riusciti ad intraprendere un percorso personale di innovazione che ha infine trasformato, o quantomeno mutato, le sonorità proprie del loro background artistico.  Nonostante le loro radici siano ben visibili allo spettatore, la loro musica è infatti un costante tentativo di aggiornare e modernizzare quelle radici fino a renderle forse ancor più profonde.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

È dal 6 ottobre 2017 che Liam Gallagher, la voce degli Oasis, ci ha sorpreso con il suo ritorno, che ha visto l’uscita del suo primo album solista, As you were, e l’annuncio di un tour europeo, arrivato il 26 febbraio a Milano e il 27 febbraio a Padova.

Nella prima data italiana, a Milano, ad una temperatura sotto lo zero, la fila è lunga davanti al Fabrique, la folla è eterogenea, c’è chi veste anni ’90 con parka verdi militari, chi porta magliette del Manchester, chi ha assistito alla nascita degli Oasis, e chi,  quando nel ’94 uscì il loro album d’esordio Definitely Maybe, non era nemmeno nato.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Lo scorso giugno abbiamo parlato su questo giornale dei Mòn e dell’inizio del tour che seguiva la pubblicazione di Zama (qui il link: Termina il Festival Crack! All'Avvio il Tour dei Mòn).

A quasi un anno di distanza da quel concerto al Forte Prenestino li ritroviamo all’Auditorium Parco Della Musica, nel Teatro Studio Borgna. “La musica è cambiata” si potrebbe dire, e invece no: nonostante dal vivo presentino dei riadattamenti, le canzoni sono le stesse suonate nel nostro primo incontro e la formazione del gruppo non ha subito mutamenti. Cos’è stato, allora, a precipitarli dai centri sociali all’Auditorium nel giro di pochi mesi?