Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

E’ difficile spiegare ad un “nativo digitale” come è stata affascinante, accattivante, seducente ed ammaliante la Roma celebrata in un famoso bagno con Marcello Mastroianni ed Anita Ekberg nel film “La dolce vita”.

Altre pellicole, come “La grande bellezza”, hanno esaltato alcuni scorci tra i più suggestivi della Città Eterna. In effetti, l’attrattiva e l’incanto della Capitale non possono essere colti appieno con una sua visita fuggevole, magari fatta per scattare un selfie o una foto da pubblicare sui social. Roma richiede tempo ed attenzione per essere gustata ed assaporata. Nello stesso momento è anche vero che il confronto con l’accoglienza e la ricettività di altri grandi capitali internazionali impone necessariamente, nei campi citati, cambiamenti decisi e puntuali.

Detto diversamente, non è più sufficiente l’attrattività che la Caput mundi ha esercitato attraverso i secoli in quanto, attualmente, il turismo è una grande opportunità che non viene colta nella sua interezza. Questo perchè l’approccio è quello di un turismo di attesa, quando sarebbe maggiormente produttivo un criterio che si focalizzasse sulla  tipologia del visitatore, sulle sue aspettative e nuove modalità di organizzazione e fruizione dei viaggi. Nella linea delineata è stato promosso FUTOUROMA, il percorso partecipato e condiviso per la definizione del nuovo Piano Strategico del Turismo per Roma 2019 -  2025, che è stato presentato al Convention Center La Nuvola. La guida programmatica è stata dell’Assessorato allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro di Roma Capitale e l’organizzazione di Zétema Progetto Cultura. L’iniziativa in oggetto si è posta lungo le direttrici nazionali del Piano Strategico del Turismo 2017- 2022 “Italia Paese per Viaggiatori”, ponendo l’accento sui medesimi elementi fondamentali: sostenibilità, accessibilità, tecnologia digitale. All’elaborazione del Piano hanno fornito il loro contributo gli stakeholder del settore, tra cui rappresentanti delle Istituzioni, delle Associazioni di categoria, del mondo accademico e del no profit. Hanno offerto il loro contributo, tra gli altri relatori, la Sindaca di Roma Capitale Virginia Raggi e l’Assessore allo Sviluppo Economico, Turismo e Lavoro di Roma Capitale Carlo Cafarotti. Numerosi interventi della manifestazione sono stati sapientemente moderati dal giornalista e conduttore televisivo Gerardo Greco.

Si ricordano, come azioni che saranno intraprese, la costituzione sia di un “bollino Made in Roma” che certificherà la qualità dell’ accoglienza turistica; sia di una Destination Management, Organisation, ovvero un organismo pubblico – privato con la funzione di coordinare gli stakeholder coinvolti nel campo turistico. Tra le proposte del mondo accademico si citano quelle illustrate dalla Prof.ssa Barbara Antonucci, Direttrice del Master in Linguaggi del turismo e comunicazione interculturale di Roma Tre, dal Dott. Nicola Sapio e dalla Dott.ssa Elisa Morsicani, entrambi docenti del medesimo Master. Si tratta, tra gli altri elementi, della pianificazione a lungo termine dell’offerta turistico/culturale oltre a campagne media ed advertising a livello internazionale; della realizzazione di un unico portale che metta a sistema tutte le iniziative e le esperienze da vivere in città con l’utilizzo di algoritmi di business intelligence. Senza dimenticare l’importanza del turismo cinese che registra dati in continuo aumento e con una tendenza simile a quella registrata, in precedenza, dal turismo giapponese. Detto diversamente, vi è la tendenza ad uno spostamento dai viaggi di gruppo a quelli individuali con una forte propensione ad esperienze personalizzate, emozionali e di lusso.

L’evento è stato anche l’occasione per la presentazione di numerose compagnie internazionali, fra cui Air China, l’unica compagnia commerciale su cui è disegnata la bandiera nazionale sugli aerei. Il logo è una fenice, un uccello magico, icona di coloro che si distinguono per umanità e virtù, simbolo beneaugurante di fortuna e felicità per i passeggeri. Lo spirito della Compagnia ci è stato illustrato dal Marketing Italy di Air China Mita Carmelita Pippa: il  servizio a tutto il mondo con la massima cura e la navigazione verso il futuro sull'onda dell'innovazione.