Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Continua il momento magico di Fabio Fognini (#12)! Alla sua prima uscita agli IBI 2019 si sbarazza in due set (63 64) del francese Jo Wilfred Tsonga (#92).

Una partita a senso unico in cui il tennista azzurro non ha mai perso le redini del match. Nel primo set tutto facile per l’italiano che al quarto gioco conquista il break. Si porta in pochi minuti sul 4 a 1, ma nel nono gioco il francese ha la possibilità di recuperare il set con un break che però Fabio annulla, anche grazie ad un suo errore. Dopo 6 set point l’italiano riesce a chiudere la prima partita con il punteggio di 63.

Anche nel secondo set il tennista ligure si porta sul 4 a 1, ma deve però soffrire per il ritorno nel match del francese che si porta sul 4 a 3. Da quel momento “Fogna” non sbaglia più nulla e aggiudicandosi il proprio servizio va a chiudere la partita con un punteggio finale di 63 64. Nel prossimo turno affronterà il vincente del match tra il moldavo Radu Albot ed il francese Benoit Paire. Ma i successi degli italiani non si fermano soltanto alla performance di Fognini. Nel pomeriggio Marco Cecchinato, grazie ad una grande prestazione e sostenuto da un pubblico molto caldo, aveva avuto la meglio sul ventenne australiano Alex De Minaur (#26). Dopo aver perso il primo set il tennista palermitano mette il piede sull’acceleratore fino a vincere la partita con il seguente punteggio 46 63 61. Male invece Lorenzo Sonego che esce con molti rammarichi dagli IBI 2019. Dopo aver combattuto per lungo tempo ha dovuto cedere a Karen Chačanov (#13) che nel corso del match ha mostrato sicuramente più continuità di gioco.

Giornata nera per il nostro tennis rosa. Tutte fuori le italiane. Jasmine Paolini (#202) perde 61 62 contro la statunitense Sofia Kenin (#37), esce dal torneo anche Elisabetta Cocciaretto (#779), sempre contro una statunitense, Amanda Anisimova (#54), 63 63 il punteggio finale a favore di quest’ultima. Ma la delusione più grande arriva sicuramente dalla sconfitta di Sara Errani (#284) che perde malamente con la slovacca Viktoria Kuzmova (#43) con un perentorio 61 60.