Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

In pochi si ricorderanno come l'AVC, noto a tutti come il “Venezia” stava affrontando la fine del vecchio millennio per dare un segnale di innovazione al nuovo 2000 che entrava.

I verde-arancio si apprestavano a disputare un campionato sulle ali dell'entusiasmo che derivavano dall'eccellente undicesimo posto del campionato precedente. Il patron Zamparini era intenzionato ad investire parecchio nella sua squadra, con il suo marchio “emmezeta” (della sua catena commerciale “mercatone zeta”) come main sponsor. In panchina sedeva un certo Luciano Spalletti ed in campo, i giocatori erano all'altezza dell'obiettivo salvezza come punto di partenza.

Tra i pali Taibi e Konsel si contendevano la saracinesca veneziana con un carattere degno dei migliori leader. In difesa Iachini, Luppi, Pavan, Marangon e Bettarini erano i nomi più in voga del momento. Nanami e Recoba sono state le stelle del mercato, chi estivo e chi invernale. Entrambi erano in grado di tirare fuori dal cilindro un colpo di magia, contro chiunque... Volpi e Valtolina regalavano, invece, solidità e determinazione alla causa. In avanti Maniero, Ganz e Budan erano chiamati a buttare dentro il pallone per conquistare il prima possibile i tre punti. Purtroppo, per loro, però non è andato tutto per il verso giusto: nelle prime 11 giornate il Venezia ha conquistato solo 6 punti. Spalletti, Materazzi, di nuovo Spalletti e Francesco Oddi si alternarono sulla panchina ma niente è riuscito a trattenere i leoni nella massima serie.

Il sedicesimo posto e la retrocessione sono stati una spada di Damocle per il loro successo e per la compagine che poteva essere. Esce dignitosamente in semifinale di Coppa Italia contro la Lazio che vincerà il tricolore. L'anno successivo conquistò la promozione ma durò solamente 1 anno... di lì non fece più ritorno in Serie A. Dal 2015 il Venezia è diventato una SRL con una presidenza americana alle spalle. La VFC Newco 2020 LLC è intenzionata più che mai a far tornare i “lagunati” nel calcio che conta e, perchè no, a fargli fare quel famoso salto di qualità fallito anni prima.