Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Udine - Come da tradizione, con l’arrivo della befana riprende anche il campionato di Serie A.  Ad aprire le danze con il match dell’ora di pranzo hanno pensato l’Udinese e la Roma di fronte ai 12.000 accorsi allo stadio Friuli. Dopo la prestazione tutt’altro che convincente contro il Milan, la Roma, per continuare a dire la sua nella lotta scudetto, doveva necessariamente portare a casa i tre punti pur sapendo che la trasferta era estremamente insidiosa.  Stramaccioni, per tentare di portare a casa la vittoria, ha schierato un 3-5-2 con Geijo e Di Natale in fase offensiva. Garcia ha risposto con il solito 4-3-3 affidandosi in attacco a Ljajic, Iturbe e Totti, preferito ancora una volta a Destro.

 

Il primo tempo si è aperto a ritmi molto bassi, con la Roma dominante grazie al possesso palla.  La prima occasione degna di nota è arrivata al 17’, quando Astori, su punizione di Totti, con un colpo di testa ha trovato la porta. Il goal ha dato vita però da subito a molte polemiche. La palla ha infatti dapprima colpito la traversa ed è poi rimbalzata sulla linea entrando di fatto di pochi millimetri. Guida in un primo momento non ha convalidato, così come era stato disposto dall’arbitro di porta Maresca, salvo poi cambiare idea, sancendo così il vantaggio della Roma.  Nonostante lo svantaggio, l’Udinese non ha perso la grinta e ha cercato di mettere in difficoltà gli ospiti, i giallorossi hanno però prontamente fermato ogni tentativo a la prima metà di gioco si è conclusa a loro favore.

La ripresa si è aperta all’insegna del nervosismo con molti falli e l’ammonizione di Pjanic per un fallaccio su Kone. Placati gli animi entrambe le squadre sono tornate finalmente a giocare, anche se hanno creato poco e concluso ancora meno, dando vita ad un secondo tempo molto noioso e dove di calcio giocato si è visto davvero poco. La prima occasione degna di nota è arrivata al 18’ con un tentativo di Allan che non ha trovato la porta solo grazie all’ottima chiusura di Astori. Da questo momento in poi la Roma ha ritrovato sempre più spazio creando numerose occasioni e chiudendo di fatto l’Udinese nella propria metà campo. Tutto è proceduto in maniera tranquilla fino al 40’, quando Emanuelson, con un intervento poco delicato in area su Kone, ha fatto rischiare alla Roma un rigore contro. L’arbitro però ha deciso che era tutto regolare e ha fatto proseguire il gioco per i pochi minuti che restavano. La partita è finita così tra le mille polemiche dei friulani per gli episodi del goal e del rigore e tra la gioia dei giallorossi che hanno riagganciato temporaneamente la Juventus, in attesa del big match contro l’Inter.

Udinese-Roma 0-1

Udinese Calcio (3-5-2) Karnezis; Danilo, Domizzi, Piris; Widmer, Alllan, Guilherme ( 36’ st Bruno Fernandes),Kone, Gabriel Silva (23’st Pasquale); Geijo, Di Natale (23’ st Thereau). All. Stramaccioni

AS Roma (4-3-3) De Sanctis; Maicon (21’ st Torosidis), Manolas, Astori, Holebas; Pjanic, De Rossi, Strootman; Ljajic (38’ st Emanuelson), Totti (21’ st Florenzi), Iturbe. All. Garcia

Arbitro: Guida di Torre Annunziata

Spettatori: 12.000

Ammoniti: Di Natale, Maicon, Pjanic, Astori, Torosidis, Emanuelson