Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Era il 2015 quando la Milano neroazzurra prende in prestito un giovanissimo esterno, dal Galatasary, per la modica cifra di 1.5 milioni.

Stagione senza infamia né lode e, dopo essere tornato in Turchia, viene acquistato dal Porto per 6.5 milioni. Il brasiliano, che si fa assistere dalla famiglia, è cresciuto e non poco segnando anche 5 reti in 16 partite ed evolvendosi come giocatore. Per questo motivo, molti club hanno messo gli occhi su di lui e tra questi spicca la Juventus. L'esterno classe 92, nonostante i soli ventisette anni, ha già vinto 6 trofei. Ma perchè la compagine bianconera lo vuole a tutti i costi?

Alex Telles riesce ad agire su tutta la corsia sinistra, un nuovo Ze Maria ma più tecnico. Può svariare dall'essere terzino fino all'ala sinistra. Il suo valore di mercato si aggira sui 40 milioni ma la scadenza di contratto imminente (30 giugno 2021) ha fatto sì che Paratici possa chiudere la pratica sui 25 milioni. Le condizioni fisiche poco idonee di De Sciglio e di Alex Sandro fanno virare la compagine piemontese sull'ex-Inter. I colpi di scena non sono finiti, però, perchè il dirigente juventino sta trattando altri tre giocatori per avere una rosa ancora più competitiva. Tonali, Chiesa e Rakitic sono i nomi caldi. Per il centrocampista empolese serve tanto capitale da portare sull'unghia al club toscano (50 milioni), per il figlio d'arte i campioni d'Italia mettono sul piatto Orsolini mentre per il blaugrana la carta dis cambio sarebbe Bernardeschi (da mandare in prestito a Gennaio per farne accrescere il valore).

Per la porta si sogna Donnarumma, ma servono almeno 80 milioni (difficile che si possa chiudere anche a Giugno), Gravenbergh dell'Ajax piace ma 20/30 milioni per un diciassettenne sono troppi anche per Paratici, stesso discorso vale per Aouar del Lione (55/60 milioni milioni). In avanti si valutano Chong dello United, da prendere a Giugno a zero; l'olandese Stengs (21 anni, dal valore di 25 milioni) e Dembelè. La rivoluzione in casa Juve ci sarà anche, e soprattutto, in caso vittoria della Champions League.