Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Nel primo boxing day del campionato italiano, la Roma affronta il Sassuolo. Per i ragazzi di mister Di Francesco la partita contro gli emiliani non rappresenta proprio l’ultima spiaggia ma quasi.

Il mister giallorosso non può più permettersi di sbagliare anche perché prima del match la sua squadra si trova posizionata all’undicesimo posto, lontanissimo da tutto, ma soprattutto lontana dalla qualificazione Champions, con 24 punti in classifica, non ne guadagnava così pochi dopo le prime 17 giornate di Serie A dal campionato 2008/09. Una partita sicuramente particolare per mister Di Francesco considerato che nel Sassuolo milita suo figlio Federico che mister De Zerbi fa partire dalla panchina.

Nella Roma Schick viene preferito a Dzeko non ancora al meglio, ma pronto ad ogni evenienza dalla panchina. El Sharaawy torna disponibile, ma anche lui dalla panca. Perotti in campo dal primo minuto, mentre Zaniolo è ormai titolare inamovibile. Florenzi Capitano, mentre per Capitan futuro ci vorrà il nuovo anno per rientrare in campo, l’infortunio è più grave di quello che si era ipotizzato in un primo momento. Nel Sassuolo in avanti il pericolosissimo Berardi più volte accostato alla Roma nei periodi di mercato.   

Inizia la partita. Nel primo minuto di gioco il Sassuolo ha la possibilità di passare subito in vantaggio. Olsen esce fuori area per rilanciare la palla in avanti, ma Berardi, vedendolo fuori porta, prova a battere a rete, il portierone giallorosso si salva rientrando velocissimamente tra i pali e respingendo fuori area. Al 4’ Florenzi lancia Schick in area che viene messo a terra da Ferrari, per l’arbitro Giacomelli non ci sono dubbi, è calcio di rigore. Viene consultato a lungo il VAR che conferma la decisione dell’arbitro. Perotti dagli undici metri gela Consigli con un rasoterra a fil di palo e porta in vantaggio i giallorossi. E’ l’1 a 0 per la Roma! Nei minuti successivi buona reazione del Sassuolo che mette in apprensione la difesa giallorossa. Al 20’ Schick sfiora l’autogoal colpendo la traversa a seguito di un calcio d’angolo degli ospiti. La Roma si espone inspiegabilmente al contropiede degli avversari pur forte del vantaggio. Al 22’ è Under con un gran tiro da fuori area a sfiorare il raddoppio. Il Sassuolo mostra grande freschezza fisica e velocità nelle azioni, ma al 23’ Schick vola verso la porta avversaria lanciato magistralmente da Cristante e, sbarazzandosi anche di Consigli, segna il goal del raddoppio. E’ il 2 a 0 per la Roma! I giallorossi si ritrovano improvvisamente. E’ Zaniolo al 30’ a sfiorare la terza rete con un diagonale che sfiora il palo e subito dopo ancora Schick che però stavolta incespica sul pallone. I giallorossi chiudono il primo tempo in attacco alla ricerca del goal per chiudere la partita. L’arbitro Giacomelli, dopo due minuti di recupero manda tutti negli spogliatoi.

In campo per la seconda frazione di gioco. Mister De Zerbi opera subito una sostituzione, entra Lirola per Lemos. Nessun cambiamento nella squadra giallorossa. Al 55’ Schick si divora un goal incredibile. Completamente solo davanti a Consigli, da pochi passi batte debolmente di testa, l’estremo difensore emiliano blocca facilmente e l’occasione per la Roma sfuma inesorabilmente. Al 58’ altra sostituzione nel Sassuolo, esce Djuricic ed entra Di Francesco, momento emozionante per il mister giallorosso. Ma le emozioni non finiscono qui, al 59' l'Olimpico esplode! Con un’azione dirompente e con pallonetto finale, Zaniolo realizza la terza rete per la Roma! Tripudio per il baby giallorosso di appena 19 anni, speranza reale per il calcio azzurro! Al 64’ doppia sostituzione. Per il Sassuolo entra Locatelli per Brignola e per la Roma Pastore (fischiato) per Zaniolo, standing ovation per lui. De Zerbi con l’ingresso di Locatelli prova a ribaltare un risultato pesantissimo, forse fin troppo pesante per il gioco espresso dai suoi ragazzi. Mentre mister Di Francesco, con il recuperato campione argentino, cerca di gestire il risultato cosa che ultimamente non riesce molto bene alla sua squadra. Al 68’ ancora un cambio per la Roma, esce Perotti, applauditissimo, ed entra Kluivert, un altro giovanissimo di grande valore. Nei minuti finali il Sassuolo non demorde e non lascia il campo ai giallorossi, si rende pericoloso rendendo il match ancora frizzante nonostante il risultato. Al 77’ finalmente un’ovazione anche per Schick che lascia il campo tra gli applausi per far posto a Dzeko. Al 79’ pregevole azione di Kluivert che serve Under, il turco si smarca in area e batte a rete, ma stavolta Consigli è molto bravo e respinge a lato. Al 90’ gloria per l’ex viola Babacar che lanciato da Locatelli semina Fazio e con un diagonale batte Olsen. Dopo due minuti di recupero l’arbitro decreta la vittoria della Roma e la fine delle ostilità.

Nel boxing day i tifosi giallorossi trovano una bella sorpresa, la loro squadra sembra guarita. Una vittoria limpida quella contro il Sassuolo che fa ben sperare per il futuro. Ma i giallorossi in questo campionato hanno mostrato una marcata alternanza nei risultati, per uscire definitivamente dalla crisi servirebbe una bella prestazione da tre punti sabato prossimo contro il Parma nell’ultima partita del 2018. Insomma, buone feste per tutti per il momento…aspettando capodanno.