Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Momento d’oro per il Liverpool di Klopp: in questo inizio di stagione infatti ha inanellato solo vittorie.

In attesa di affrontare il Chelsea di Maurizio Sarri in Coppa di Lega, una specie di antipasto del futuro scontro diretto per il vertice della Premier League, i Reds strapazzano il Southampton 3-0 grazie anche a Mohamed Salah, autore del terzo gol: l’egiziano era stato di recente “criticato” per alcune prestazioni non eccezionali.

Cede il passo Sarri e il Chelsea: i Blues accusano più del dovuto il derby in casa del West Ham e vengono bloccati sullo 0-0: impressionante il 72% di possesso palla del Chelsea, utile a dare una vaga idea del predominio Blues nell’arco dell’intera gara. Un predominio che però non basta, mentre basta veramente poco al City per schiantare 5-0 il Cardiff City (vittima sacrificale e fanalino di coda della Premier insieme a Newcastle e Huddersfield): mattatore di giornata Mahrez.

L’algerino ex Leicester, segnando poi anche in Coppa di Lega, conferma uno stato di forma invidiabile da 3 gol in meno di una settimana. Mantiene la scia il Watford quarto, con 13 punti, che vede però avvicinarsi pericolosamente Arsenal e Tottenham, entrambe a 12: i Gunners domano 2-0 l’Everton mentre gli Spurs superano lo shock europeo (sconfitti nel recupero dall’Inter) passando 2-1 sul campo del Brighton. Male lo United: il pareggio contro i Wolves apre di nuovo un mare di critiche e voci su presunti litigi all’interno dello spogliatoio. L’eliminazione in Coppa di Lega contro il Derby County (6° in Championship) non fa che gettare benzina sul fuoco. La distanza dalla vetta diventa di 8 punti: mission impossible anche per lo Special One?

A proposito di bruschi stop. Il Barcellona di Valverde brucia il piccolo vantaggio accumulato in queste prime cinque giornate sugli eterni rivali del Madrid. Al Camp Nou i blaugrana vengono inchiodati sul 2-2 finale da una vecchia conoscenza italiana, passata da Reggio Calabria con pochissime fortune, ovvero Stuani: l’uruguaiano sigla una doppietta in sei minuti che fa impallidire Messi&co. Pique la rimette sul pari. Ne approfitta il Real Madrid che passa 1-0 sull’Espanyol grazie al gol di Asensio. I Blancos faticano più del dovuto ma riacchiappano il Barcellona a 13 punti in vetta alla classifica. L’Atletico (con una gara in più, giocata ieri) si attesta al terzo posto con 11 punti: i Colchoneros, dopo un avvio difficilissimo, hanno ripreso un ottimo rollino di marcia con due vittorie consecutive (contro Getafe e Huesca). Soprende l’Alaves di Abelardo Fernandez al quarto posto con dieci punti. A sorprendere, anche, sono i cartellini rossi di giornata per la massima divisione spagnola: ben sette. Numeri da record.

Passiamo in Francia dove il Psg fa sei vittorie su sei turni. Il bottino pieno arriva grazie al successo esterno su campo del Rennes: all’autogol iniziale di Rabiot rispondono Di Maria, Meunier e Choupo-Moting. L’attaccante tedesco, naturalizzato camerunense, è arrivato come oggetto misterioso nel mercato estivo e si sta piano piano ritagliando un ruolo primario nella stagione dei parigini come vice Cavani. Tiene il passo, per così dire, il Lille che raggiunge quota 13 punti battendo 2-1 il Nantes. Cade invece il Marsiglia di Garcia a Lione con un pesante 4-2: la squadra di Genesio conquista tre punti utili a raggiungere proprio i biancoazzurri al quinto posto con 10 punti. Singolare fino ad ora la stagione del Montpellier, quarto in campionato dopo il successo casalingo ai danni del Nizza: i ragazzi del mister armeno Der Zakarian occupano le zone nobili della Ligue1 grazie alla miglior difesa (solo 4 gol incassati) e nonostante il terzo peggior attacco (solo 6 reti messe a segno).

Infine uno sguardo sulla Bundesliga, pronto (forse) a regalare qualche sorpresa anche in vetta. Il Bayern Monaco infatti viene bloccato 1-1 dall’Ausburg (ieri, anticipo della quinta giornata che si chiuderà oggi) e lascia qualche speranza di rimonta alle inseguitrici. Il Werder Brema sfrutta l’occasione per avvicinarsi e portarsi a -2 dal vertice grazie al secco 3-1 sull’Hertha Berlino. Stasera il Dortmund, impegnato in casa contro il Norimberga, può fare lo stesso salto in avanti. Nello scorso turno invece i gialloneri erano stati fermati sull’1-1 dall’Hoffenheim, in netta ripresa rispetto alle primissime giornate di campionato. Desta scalpore lo Schalke04, inchiodato a 0 punti dopo cinque gare. Mister Tedesco inizia a vacillare seriamente.