Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

All’Olimpico arriva il Cagliari. Emozioni fortissime nel prepartita, il tributo a Lando Fiorini commuove tutto lo stadio.

La Curva Sud, in modo particolare, canta l’inno “Forza Roma, forza Lupi” con una intensità mai ascoltata prima. “La voce di Roma” così era definito Lando Fiorini, ha lasciato un vuoto immenso nella città che lo ha amato tanto e lo amerà per sempre.

Mister Di Francesco stavolta schiera in campo una formazione imbottita di “titolari”. Tornano Florenzi, Manolas, De Rossi e Perotti. Seconda partita da titolare per Patrik Schick. Anche Pellegrini dal primo minuto al posto di Strootman che siede in panchina. Mister Lopez si presenta con una formazione d’attacco con Pavoletti come ariete, ma ben coperta a centrocampo (disposto a 5) ed in difesa.

Inizia la partita con la Roma subito all’attacco. Già dai primi minuti, sono molti i cross che arrivano al centro dell’area del Cagliari, Schick e Dzeco fanno paura ai difensori sardi che respingono con qualche difficoltà. I pericoli maggiori per la difesa del Cagliari, provengono dalla fascia sinistra giallorossa dove Kolarov e Perotti fanno i padroni. Gli isolani, intorno alla metà del tempo, prendono coraggio e, in qualche occasione, risultano molto intraprendenti ed insidiosi. I giallorossi provano a serrare i tempi per portarsi in vantaggio, ma i sardi più passa il tempo e più riescono a neutralizzare le loro giocate. Al 35’ Roma vicina al goal. Nainggolan controlla la palla fuori area, si smarca e calcia col destro: tiro a lato. Debole l’apporto di Schick che probabilmente deve ancora entrare bene negli schemi della squadra ed anche perché le azioni dei giallorossi partono quasi esclusivamente dalla fascia sinistra. Anche Pellegrini non riesce ad entrare in partita e risulta anche molto falloso. Di Francesco appare preoccupato, la sua squadra non riesce a trovare il goal del vantaggio e forse pensa che qualcosa non va visto che nelle ultime due partite i giallorossi hanno rimediato solo due pareggi. In campo regna l'equilibrio: la Roma gestisce il possesso palla, ma non riesce a trovare varchi nell'ordinata difesa schierata da Diego Lopez. Senza recupero l’arbitro Damato manda tutti negli spogliatoi.

Nessuna sostituzione per le due squadre che si ripresentano in campo con le stesse formazioni. La Roma appare subito più reattiva. Al 49’ interviene la VAR per un’azione dubbia in area sarda per un atterramento di Dzeko ad opera del portiere Cragno. La VAR sentenzia: è calcio di rigore. Dal dischetto si presenta lo specialista Diego Perotti che però sbaglia il tiro dagli undici metri, molto bravo Cragno che riesce a parare in maniera didattica ed esemplare. Al 62’ buona occasione per i giallorossi, ma in area le due punte si ostacolano a vicenda. Nel secondo tempo regna ancora l’equilibrio in campo anche se i giallorossi cercano di più il vantaggio. Il Cagliari attende per ripartire con i suoi attaccanti molto veloci mentre in difesa si schiera a cinque. La squadra di Lopez appare ben organizzata in tutti i reparti e nella parte finale della partita sembra anche più pronta fisicamente della squadra giallorossa. La Roma non riesce a valicare il muro difensivo del Cagliari mentre il 90’ si avvicina inesorabilmente. L'arbitro Damato concede 6' minuti di recupero ma al 94' Fazio fa esplodere i tifosi romanisti, a seguito di una azione rocambolesca, porta in vantaggio i giallorossi! La VAR viene chiamata in causa, ma è il goal del vantaggio giallorosso e non c'è più tempo per il Cagliari!  

Il rigore sbagliato dalla Roma avrebbe potuto pesare come un macigno sull’esito del risultato, ma il goal di Fazio ha riportato di nuovo la Roma vicino alla vetta della classifica. Ora i giallorossi sono potenzialmente secondi dietro il Napoli avendo l’Inter perso sorprendentemente in casa contro l’Udinese (1 a 3). Il Napoli si riprende la testa della classifica vincendo contro il Toro a Tprino (1 a 3). La Juve se la vedrà domani contro il Bologna. Il prossimo match per la Roma sarà proprio contro i bianconeri a Torino, sarà il più bel regalo di Natale per i sportivi italiani visto che si giocherà il 23 dicembre!