Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Un'affascinante saga familiare multietnica, popolata da meravigliosi personaggi femminili, da storie brucianti e da segreti indicibili che legano Istanbul all'America e la Turchia all'Armenia.

Elif Shafak, indiscussa protagonista della letteratura turca, grande conoscitrice del passato e profonda osservatrice del presente del suo Paese; Serra Yilmaz, attrice amatissima e fascinosa affabulatrice nonché testimone vivente della fecondità del dialogo interculturale.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il teatro come strumento educativo e importante simbolo di civiltà. E così l’amore e i suoi mutamenti.

Due universi che si incontrano in occasione del debutto dello spettacolo “Una donna per amico”, con Luciana Frazzetto al Teatro delle Muse (via Forlì 43) dal 10 al 25 marzo, e si fondono per la prima volta nel bonus “Cuore & Teatro”, un’opportunità che intende incentivare le unioni di diversa natura, ufficializzate nei primi mesi del 2018, che potranno usufruire dell’ingresso gratuito presentando il certificato di avvenuto matrimonio o quello di unione civile.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Luciana Frazzetto, versatile attrice, dopo i suoi recenti successi, tra cui si ricorda il suo monologo-cult, “E se il sesso si è depresso?”, torna ancora in scena con l’esilarante monologo “NEI PANNI DI UNA DONNA?” scritto a quattro mani con Riccardo Graziosi.

Molto opportuna la data della messa in scena dello spettacolo, l’8 marzo, in occasione della Giornata della Donna. Lo spettacolo si può definire uno spaccato di vita che accomuna un po’ tutti noi. “La protagonista è una sartina che tra un orlo e una cerniera, un marito, due figli e un cane, racconta tutto quello che può avvenire in una famiglia normale, ad una donna normale, parlando di figli, di sesso, di internet, di facebook, di vacanze, di suocere, di tutti quelli che se non chattano sembrano morti”.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Dopo il successo dello scorso anno, prende il via la seconda edizione dei Classici del secolo futuro, il format ideato dal Direttore Artistico dell’Accademia Stap Brancaccio Lorenzo Gioielli, prodotto dalla Sala Umberto di Alessandro Longobardi.

Quattro riscritture senza paura. Quindi si riscriveranno il Macbeth, le Baccanti, Questi fantasmi per approdare a Il gabbiano. I Classici saranno ancora più irriverenti e vitali, nel rispetto non cieco ma attivo di quello che ci hanno lasciato e di come possono parlare alle nuove generazioni.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Augusto Zucchi porta in scena da martedì 13 febbraio sul palcoscenico del teatro Golden questa divertente e ironica commedia psicoanalitica dal titolo “Un lettino per tre G.” di cui è protagonista  insieme a Fulvia Lorenzetti. In scena fino a domenica 25 febbraio.

Attore, autore regista teatrale e cinematografico, figlio di un importante psichiatra genovese, Augusto Zucchi racconta le vicende di un uomo affetto da doppia o forse tripla personalità, in modo coinvolgente e divertente affronta i diversi aspetti di un essere umano portando sul palco un intreccio di vite tra suspance, intrigo e ironia.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La scrittura di Massini è limpida, squisitamente intrinseca e tagliente, nella sua galoppante tensione narrativa.

Una sorta di thriller psicologico, attraverso l’imprevedibile metafora del temporaneo isolamento di Vincent Van Gogh in manicomio, che lascia lo spettatore con il fiato sospeso dall’inizio alla fine. È il 1889 e l’unico desiderio del grande pittore è quello di uscire da quell’austera stanza del manicomio di Saint Paul dove non c’è altro colore che il bianco. La sua prima speranza è riposta nell’inaspettata visita del fratello Theo che ha dovuto prendere quattro treni e persino un carretto per andarlo a trovare…

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Dopo il debutto internazionale a Parigi, da mercoledì 7 a domenica 18 febbraio, arriva al Teatro Sistina il nuovo atteso One Man Show di Arturo Brachetti: “SOLO - the Master of quick change”.

Un vero e proprio assolo del grande artista che torna sui palcoscenici come unico protagonista dopo il trionfo dei suoi spettacoli applauditi da milioni di spettatori in tutto il mondo. Un ritorno alle origini per Brachetti che aprirà le porte della sua casa fatta di ricordi e di fantasie; una casa senza luogo e senza tempo, in cui il sopra diventa il sotto e le scale si scendono per salire.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

QUELLO CHE NON HO è un affresco teatrale che, utilizzando la forma del teatro canzone, cerca di interrogarsi sulla nostra epoca, in precario equilibrio tra ansia del presente e speranza del futuro.

Ispirazione principale di questo percorso sono le canzoni di De Andrè (in particolare del concept album “Le nuvole”) e le visioni lucide e beffarde di Pier Paolo Pasolini, apocalittiche, visionarie profezie (contenute nel poema filmico “La rabbia”)  che raccontano di una “nuova orrenda preistoria” che sta minando politicamente ed eticamente la società contemporanea.