Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

TOMORROW MORNING – Domani Ti Sposo… Domani Ti Lascio!” è una commedia musicale inglese del compositore e autore Laurence Mark Wythe, che ha debuttato a Londra nel 2006.

Il successo di pubblico e critica è stato talmente clamoroso che lo spettacolo si è subito spostato in America dove, nel 2009, viene premiato come Miglior Spettacolo Off ai Jeff Awards di Chicago e nel 2011 gli vale la nomination ai famosi Outer Critics Circle Awards di New York. Ma questo fortunato show ha visto la luce anche in altre parti del pianeta: Connecticut, Melbourn, Tokyo, Vienna e anche in Germania e Portogallo.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Gabriele Cirilli festeggia 30 anni di carriera a Roma con 11 date al Teatro Sala Umberto: campione indiscusso del teatro italiano, amato dal pubblico che lo premia sempre con una folta presenza a ogni spettacolo, l’artista torna sul palcoscenico per un’occasione speciale con l’irresistibile #TaleEQualeAMe… AGAIN scritto con Maria De Luca, Carlo Negri per la regia Gabriele Guidi.

Dopo il grande successo della tournée teatrale che ha fatto registrare in Italia il tutto esaurito, Cirilli, già protagonista di “Tale e Quale Show”, il programma di Rai1 campione d’ascolti condotto da Carlo Conti, sarà in scena al Teatro Sala Umberto dal 2 al 13 maggio.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Un diario, da sempre, accoglie le confessioni degli uomini che come impronte rimangono poi impresse sui suoi fogli.

Ma un killer abituato a non lasciare traccia, preferisce affidare la propria confessione ad una puttana, ed è proprio da questa scena che ha inizio l'adattamento drammaturgico che Antonio Nobili e Margherita Caravello fanno del romanzo Diario di un killer sentimentale di Luis Sepulveda.

Marciapiedi umidi, sigarette, clacson di tassisti nevrotici, neon e puttane non sono né un vizio né una necessità ma rappresentano una parte del rito di chi vive la notte, di chi specchia velocemente se stesso riconoscendo il proprio volto distorto in una pozza d'acqua sul marciapiede.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il 1992 fu un anno denso di avvenimenti, dalla firma del trattato di Maastricht, alla chiusura della Pravda, l’organo di stampa del Partito Comunista nell’Unione Sovietica, dall’assedio di Sarajevo da parte delle truppe serbo-bosniache all’elezione del democratico Bill Clinton a Presidente degli Stati Uniti di America, fino alla riabilitazione da parte della Chiesa Cattolica della figura di Galileo Galilei.

Eppure fu un anno oscuro e orribile della storia italiana. Mentre si segnava la fine della cosiddetta Prima Repubblica con i processi “mediatici” di Tangentopoli che coinvolsero principalmente i tribunali milanesi, i due magistrati simbolo della lotta alla mafia, i cervelli del primo grande processo a Cosa Nostra, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, saltarono in aria con chili e chili di tritolo. Da allora, si cerca affannosamente una verità.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Atteso ritorno sul palco del teatro Sala Umberto per la commedia “La partitella”, di Giuseppe Manfridi per la regia di Francesco Bellomo.

Sul palco Carmine Buschini, il personaggio principale della serie televisiva “Braccialetti Rossi”, con altri 20 giovanissimi attori. Tra gli spettatori a teatro anche una delegazione della squadra degli speaker radiofonici, capitanata da Massimo D’Adamo, che vanta nel team anche Andrea Rivera, Gianluca Giugliarelli e madrina Georgia Viero, che lancerà una sfida alla compagnia per ritrovarsi sabato 7 aprile tutti sul campo da gioco del centro sportivo di Villa Gordiani per una vera e propria partitella di calcio.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Classicità e modernità per una visionaria riscrittura di un capolavoro letterario

Ambientato a Napoli nei giorni nostri, Circus Don Chisciotte è uno spettacolo che narra la storia di Michele Cervante, una singolare figura di vagabondo colto che esplora le ombre urbane della città. Presunto discendente dell’autore del Don Chisciotte della Mancia, il professor Cervante attiva una lotta personalissima contro il processo di disumanizzazione che sta attanagliando il mondo.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Dopo il successo internazionale dello scorso anno e la messa in scena in contemporanea in diverse capitali europee - Londra, Parigi, Budapest, Varsavia, Atene e Roma – torna in teatro “Che Disastro di Commedia“.

 

Il racconto prende forma tra una scenografia che implode a poco a poco su sé stessa e attori strampalati che, goffamente, tentano di parare i colpi degli svariati tragicomici inconvenienti che si intromettono tra loro ed il copione con estro e inventiva, tanto da non lasciare spazio a nient’altro che a incontenibili risate e divertimento travolgente. Tra paradossi e colpi di scena gli attori non si ricordano le battute, le porte non si aprono, le scene crollano, gli oggetti scompaiono e ricompaiono altrove. Tutto è studiato nei minimi particolari con smaliziato umorismo senza mai risultare artefatto o stucchevole.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

IL DISCORSO DEL CAPITANO, ROMA - GENOA 3-2, appartiene alla serie DIECIPARTITE, un progetto che nasce da un’idea di Daniele Lo Monaco e che Giuseppe Manfridi ha iniziato a scrivere e a portare in scena nel 2009 e che ora giunge al suo settimo capitolo.

 

Protagonista assoluto della narrazione è Francesco Totti, raccontato attraverso le pieghe delle vicende che hanno accompagnato squadra e tifoseria al confronto cruciale col Genoa, atto conclusivo del campionato 2016/17 e gara decisiva per la conquista del secondo posto, un piazzamento di importanza vitale per l’AS Roma.