Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

È ottobre e questo vuol dire che già da qualche settimana si sono spenti i riflettori sulla 78esima mostra del cinema di Venezia.  Anche quest’anno Venezia ha steso il suo tappeto rosso per moltissimi attori e attrici, italiani ed internazionali.

In particolare in questa edizione, si percepiva un’aria molto più frizzante e carica di aspettativa, in quanto anche per il mondo del cinema il ritorno alla normalità sembra sempre più vicino. Moltissime star internazionali hanno sfilato sul  red carpet, tra cui Rami Malek, Benedict Cumberbatch, Dakota Johnson e Kristen Stewart, e gli acclamatissimi Zendaya e Timothée Chalamet.

A conclusione della mostra, abbiamo scelto alcune tra i film più interessanti che sono stati presentati.  Il primo è Dune di Denis Villeneuve, presentato come fuori concorso. Il reboot del cult sci-fi di Frank Herbert, già portato al cinema da David Lynch nel 1984, sembra la materia perfetta per le visioni  del regista. Che mette insieme un cast affascinate – da Timothée Chalamet e Zendaya a Josh Brolin e Oscar Isaac – e s’impegna a riscrivere ancora una volta la fantascienza dopo Blade Runner 2049. Il secondo che abbiamo scelto, sempre fuori concorso, è Last Night in Soho di Edgar Wright.

Ciò che cattura l’attenzione di questo psycho-horror, è la sua ambientazione glam e londinese, per non parlare della sua attrice protagonista Anya Taylor-Joy, consacrata presso il grande pubblico dalla miniserie La regina degli scacchi. Un cult annunciato. Da non dimenticare è The Last Duel di Ridley Scott. Alcuni si aspettavano il ritorno di Lady Gaga sul tappeto rosso veneziano con House of Gucci, che però non era pronto. Ma Ridley Scott aveva in canna un altro film.

Cioè questa storia medievale con appigli al presente MeToo, che porta al ritorno della coppia Matt Damon-Ben Affleck. Tra i film italiani presentati, ricordiamo È stata la mano di Dio di Paolo Sorrentino, dopo la surrealtà che l’ha reso celebre, il regista passa alla realtà: la sua. Cioè quella di un ragazzino che perde entrambi i genitori in un tragico incidente.