Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

“La Bellezza dei Borghi, il Gusto di EcceItalia” è il progetto avviato ufficialmente con l’evento inaugurale tenuto presso Eataly Roma il giorno 11 marzo.

Roma - L’evento, presentato da Fiorello Primi, Presidente de “I Borghi più belli d’Italia” e Rocco Corsetti, Presidente del Consorzio delle Eccellenze d’Italia, ha visto la partecipazione di autorità istituzionali, amministratori locali e specialisti del settore. Dal 1 marzo al 31 dicembre 2016 al 2° piano di Eataly sarà possibile fare un viaggio attraverso i sapori e le tradizioni del nostro paese.

Oltre ad un’area istituzionale, dedicata ad informazioni e consigli per il turismo, trovano spazio:

“L’osteria dei Borghi” con le specialità dello Chef Rossano Boscolo e dello staff della Etoile Accademy;

“Gusti e Sapori”, l’angolo street food dedicato alle tipicità regionali

Il “Museo dei Borghi”, con esposti attrezzi ed utensili appartenenti alla cultura e alle tradizioni regionali

Il Presidente Fiorello Primi, ha spiegato come  l’associazione “I Borghi più Belli d’Italia”, sia impegnata a “fornire la materia prima per turismo di qualità, nonché la produzione e commercializzazione dei prodotti che rappresentino, nel mondo, il meglio dell’Italia, ovvero quelle culture e tradizioni millenarie ancora presenti nei Borghi e maggiormente cercate ed apprezzate dai turisti”.

La valorizzazione dei Borghi costituisce dunque un volano per il turismo, ma anche un sostegno all’occupazione giovanile, sia per coloro che intendono dedicarsi all’artigianato e alle tradizioni locali, sia per coloro che si orientano verso l’innovazione e le nuove tecnologie: si pensi all’abbattimento delle barriere architettoniche, ai servizi on line, portali di informazione e tanto altro.

Ma, afferma Fiorello Primi,  “entrare nel Club dei Borghi è un impegno importante per gli amministratori locali,  significa assumersi responsabilità verso i propri cittadini ed il proprio paese, su oltre 700 comuni visitati, sono stati  253 quelli con caratteristiche adatte ad avere accesso al Club e tra gli elementi di valutazione c’è il vero impegno e la forte motivazione dei Sindaci e Amministratori

E dunque dalla cura del territorio, dall’attività agricola e da tutto quello che c’è intorno, che parte la collaborazione con EcceItalia, il consorzio di Eccellenze italiane nato nel  2013 per valorizzare promuovere le tipicità territoriali. Il Consorzio è presente sul mercato con iniziative importanti a livello Nazionale e Internazionale.

“L’eccellenza non è la perfezione”, dice il Presidente Rocco Corsetti e continua “ma lo sono i prodotti che hanno legame stretto e indissolubile con il territorio in modo che lo rappresentino. EcceItalia, attraverso un  comitato scientifico con esperti del settore, opera un minuzioso lavoro di ricerca su quelle che sono le tradizioni, come si tramandano e come sono mantenute”. Il progetto del 2016 per il Presidente Corsetti è rappresentato dal forte consolidamento in Italia attraverso la presenza nei contesti che portano avanti cultura e tradizioni italiane, ma anche un allargamento all’estero, sia in Europa che in America dove già è stata avviata una collaborazione con Eataly New York. Ma tornando al progetto con Eataly Roma, Corsetti ha illustrato il programma dei prossimi mesi:  “con questa inaugurazione prende il via un partenariato con una serie di spazi e iniziative: un’area ristorativa per 4 mesi in collaborazione con Boscolo Etoile, proporrà la personalizzazione delle ricette dei borghi, l’area streeet food, con le eccellenze produttive dei borghi che vanno dalle  birre ai vini e liquori artigianali, curata da Simone Cavallari, e ancora l’area vendite con prodotti dei borghi gestita in collaborazione con i produttori che esporrano, venderanno e  racconteranno i prodotti”.  Il tutto nei fine settimana sarà arricchito da eventi culturali, folkloristici, convegni scientifici ed enogastronomici e, perché no, …anche piccanti. Infatti il Presidente si è detto interessato ad organizzare, in collaborazione con l’Accademia Nazionale del Peperoncino e la sua delegazione romana, convegni e tavole rotonde per conoscere più da vicino il peperoncino e promuoverne maggiormente la coltivazione sul territorio italiano.

Enzo Barbieri, agrichef e titolare dell’Hotel Famiglia Barbieri, ha portato la sua duplice testimonianza: come cittadino di uno dei Borghi più belli d'Italia, il comune di Altomonte – CS, e come  produttore del consorzio.

Il turista,  - afferma Enzo Barbieri – dopo aver visitato le bellezze di un paese, si chiede dove andare a mangiare e quando torna a casa ricorda bellezze e gusto”  Casa Barbieri è davvero una eccellenza non solo nel comune di Altomonte, ma conosciuta e riconosciuta in tutta la provincia di Cosenza ed in un’ampia zona della Calabria. Con la sua storia e la tradizione che da oltre 50 anni si tramanda da padre in figlio, Enzo Barbieri, oggi affermato produttore ed imprenditore, non ha smesso di curare ogni piccolo dettaglio delle sue produzioni e dei servizi che, con eleganza e raffinatezza, offre ai clienti del suo hotel.  “Nella mia azienda faccio ricerca gastronomica per valorizzare peculiarità e stagionalità, sono pochi quelli che valorizzano le tradizioni, noi grazie a EcceItalia e ai borghi portiamo avanti queste attività. Usiamo solo verdure e frutta di stagione, olio extravergine di qualità, prodotti di nicchia legati al territorio” ha detto Barbieri a conclusione del suo intervento. Da sottolineare che Barbieri è anche legato all’Accademia nazionale del peperoncino e collabora in maniera costante e determinante con la delegazione romana Ipse Dixit.

A conclusione dell’evento, la dottoressa Caterina Cittadino, Capo Dipartimento Ufficio Autonomo della Conferenza Stato Città ed Autonomie, ha affermato "che non può esistere un vero sviluppo del turismo se non è accompagnato dall’interesse per lo sviluppo del territorio". Ed ha parlato della necessità di realizzare un maggiore intervento pubblico volto a “individuare vocazioni complessive per poter realizzare una piena progettualità condivisa”.

Certamente lo sviluppo del nostro Paese passa anche attraverso il sostegno e la valorizzazione di tutte le iniziative volte alla promozione delle ricchezze artistiche, culturali ed enogastronomiche italiane.